La Direttiva Europea sull’introduzione dei salari minimi negli Stati Membri

Il 7 giugno 2022 i negoziatori della presidenza del Consiglio e del Parlamento europeo hanno raggiunto un accordo politico provvisorio sul progetto di direttiva relativa a salari minimi adeguati nell’UE. L’obiettivo è quello di garantire negli Stati europei un salario “adeguato” ad uno livello di vita “dignitoso”, riconoscendo agli Stati la libertà di scegliere tra l’introduzione di un livello salariale minimo legale o  la contrattazione collettiva tra lavoratori e datori di lavoro.

Alcuni punti devono essere ancora chiariti, come ad  esempio, l’aggiornamento dei salari minimi legali: il Parlamento spinge per un aggiornamento “trasparente” e su base annua, mentre il Consiglio sembrerebbe propendere piuttosto per un adeguamento periodico senza limiti temporali.

 

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

7 + 6 =