ARCHIVIO NEWS


Nuove regole per l’iscrizione all’Albo degli autotrasportatori

Sono cambiate le regole da seguire per iscrivere nuove imprese all’Albo degli autotrasportatori e per mettere in circolazione nuovi veicoli. In applicazione del Regolamento europeo 1071/2009 e del Decreto 25 novembre 2011, la circolare n.4/2011 del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti detta le disposizioni operative agli uffici territoriali e alle Amministrazioni provinciali. L’ambito di applicazione del Regolamento è limitato alle imprese con veicoli di massa complessiva superiore a 3,5 ton. A partire dal 4 dicembre scorso il requisito dell’idoneità finanziaria va dimostrato da tutte le imprese, siano esse nuove o in esercizio. È lo stesso Regolamento europeo a fissarne la misura: 9.000 euro per il primo veicolo a motore e 5.000 per i veicoli successivi. Sarà possibile ricorrere alla fideiussione bancaria o assicurativa. Inoltre, saranno le amministrazioni provinciali a valutare queste attestazioni o ad acquisire la garanzia fideiussoria, continuando a iscrivere le imprese all’Albo. I dati così acquisti verranno raccolti ...
Leggi Tutto

Soppressione dell’INPDAP e dell’ENPALS

L'articolo 21 del decreto legge n. 201 del 6 dicembre 2011ha sancito la soppressione dell'INPDAP e dell'ENPALS, le cui funzioni ed attribuzioni vengono da subito attribuite all'INPS ...
Leggi Tutto

Obbligo della posta elettronica certificata (PEC) anche per le imprese individuali.

L'obbligo previsto dall'articolo 5 del D.L. 179/2012 (“Crescita-bis”) si estende, oltre che alle imprese nascenti (20 ottobre 2012), anche a tutte le imprese individuali attive e non soggette a procedure concorsuali che sono tenute a depositare presso il registro delle imprese il proprio indirizzo Pec entro il 31 dicembre 2013. La generalizzazione dell'uso della Pec farà dello strumento il canale unico nazionale di comunicazione a rilevanza giuridica. Alla fine del prossimo anno, per legge, la Pec dovrebbe essere attiva per tutti soggetti economici, comprese tutte le pubbliche amministrazioni (l'obbligo è del 29 novembre 2008). Unica Pec è quella comunicata al registro delle imprese, per i professionisti quella comunicata ai rispettivi ordini e la si equipara ad una raccomandata con ricevuta di ritorno. Il provvedimento all'articolo 4, che riguarda i cittadini privati, definisce il domicilio digitale del cittadino e consente a quest'ultimo di indicare una casella di posta elettronica certificata abilitata ...
Leggi Tutto

La Cassazione sulle notifiche a mezzo posta

Le Sezioni Unite della Cassazione hanno stabilito con la sentenza 1428/2012 che il termine di dieci giorni di cui all'art. 8, quarto comma, della legge 890/1982, nel testo sostituito dall'art. 2 del d.l. 35/2005 deve essere qualificato come termine a "decorrenza successiva" e computato, secondo il criterio di cui all'articolo 155, primo comma, c.p.c. escludendo il giorno iniziale (data di spedizione della lettera raccomandata di cui al secondo comma dello stesso art. 8) e conteggiando quello finale; lo dteddo termine essendo stabilito nell'ambito del procedimento preordinato alla notificazione di atti inerenti al processo civile deve intendersi compreso fra i termini per il compimento di atti processuali svolti fuori dall'udienza di cui all'art. 155 c.p.c. con la conseguenza che il dies ad quem del termine medesimo, ove scadente nella giornata del sabato, è prorogato di diritto al primo giorno seguente non festivo ...
Leggi Tutto

DIRITTO SOCIETARIO: ALLE SOCIETA’ E’ RICONOSCIUTA UNA CAPACITA’ GIURIDICA GENERALE.

Con la sentenza n. 18449 del 21 settembre 2015, la Cassazione Civile, Sez. III, interviene sul tema concernente il compimento di atti estranei all’oggetto sociale. La Corte si è espressa affermando che “con il solo limite degli atti che presuppongono l’esistenza di una persona fisica, anche alle società, come a tutte le persone giuridiche, non può non riconoscersi una capacità generale, ossia la capacità di essere parte di qualsiasi atto o rapporto giuridico, anche non inerente l’oggetto sociale”. Non può pertanto ritenersi invalida una donazione fatta da una società di capitali; la questione non si pone, infatti, sul piano della validità dell’atto ma su quello delle responsabilità attribuibili agli amministratori della società per gli eventuali danni conseguenti al compimento dell’attività extra oggetto sociale ...
Leggi Tutto

Il Decreto “sblocca crediti”: le procedure previste

Il Dl 35, varato dal Consiglio dei Ministri sabato 6 aprile, interviene con una logica sostanzialmente unitaria ma con regole e procedure differenti per gli enti locali, le regioni e le province autonome, gli enti facenti parte del Servizio sanitario nazionale e le amministrazioni dello Stato centrale. I meccanismi con i quali queste quattro macro categorie di enti dovranno provvedere a veicolare i circa 40 miliardi di euro che lo “sblocca crediti” mette a disposizione in due anni sono formalmente diversi. Lo “sblocca crediti” interviene escludendo dai vincoli del patto di stabilità interno di comuni e province i pagamenti di debiti pregressi, solo per parte capitale, certi, liquidi ed esigibili. La norma prevede il via libera anche per i debiti per i quali sia stata emessa fattura o richiesta equivalente di pagamento entro il 31 dicembre scorso. Per gli enti locali, inoltre, c’è l’obbligo puntuale di dover richiedere espressamente alla ...
Leggi Tutto